Tutti conoscono Marcel Proust e la sua immortale opera “Alla ricerca del tempo perduto”. Una pietra miliare della letteratura, una raccolta geniale di pensieri, intuizioni e riflessioni sull’animo umano e il percorso esistenziale che ciascuno di noi è chiamato a fare. In particolare viene ricordato il celebre episodio delle madeleines, con cui viene trasmessa e riferita la sua esperienza in merito all’emersione di ricordi attraverso la memoria involontaria, cioè quei frammenti di vita che emergono alla coscienza senza uno sforzo di volontà, richiamati da una sensazione, in particolare un odore o un sapore a cui inconsciamente colleghiamo un certo evento. Una esperienza di vita che riviviamo in virtù delle percezioni sensoriali che abbiamo sperimentato in quell’occasione. Chiunque può riconoscere quanto sia veritiera questa intuizione di Proust. A tutti capita di fare esperienza di questa memoria involontaria, immagini, emozioni e sentimenti rimasti sepolti e dimenticati per decenni possono tornare a galla quando vengono richiamati da una potente esperienza sensoriale. Il ritorno in un luogo che abbiamo visitato da bambini, un sapore che riproviamo dopo tanto tempo, una canzone che riascoltiamo dopo decenni, un oggetto che ritroviamo in cantina e che, toccandolo, vedendolo o annusandolo ci ricorda le emozioni di una vita fa. Tutte occasioni per rivivere quel periodo, con la forza dei ricordi che amplia il nostro essere e ci permette di sentire ancora una volta la tenerezza, gioia, commozione causata da un momento magico, oppure anche la tristezza, paura o disagio che possono derivare da esperienze sgradevoli che abbiamo vissuto.

E se provassimo a gestire questa memoria involontaria? É possibile comandarla e dirigerla rendendola un pò più “volontaria”? Se seguiamo il percorso esperienzale dei sensi possiamo raggiungere questo obiettivo. Non possiamo sapere quale ricordo emergerà. Però possiamo pescare alla cieca e tirare fuori un ricordo a caso che consentirà di gustarci un’esperienza speciale, appagante e rivitalizzante. Forse anche catartica e liberatoria, qualora si tratti di ricordi negativi. In ogni caso un’esperienza che regala una maggiore consapevolezza su noi stessi.

Per aprire le porte della memoria involontaria può essere utile un semplice esercizio. Di seguito riporterò delle parole. Chiudere gli occhi, rilassatevi, poi chiedete ad un vostro amico di leggerle ad alta voce una per volta. Dopo che avrà pronunciato la parola provate ad immaginarne l’odore e il sapore. Poi osservate cosa succede, notate se emerge un ricordo e restate in ascolto delle vostre emozioni. Emerge qualcosa di familiare, che magari avevate accantonato per tanto tempo? Una immagine, come una diapositiva rimasta impressa nel vostro animo, oppure ritrovate una sensazione particolare, unica, speciale?

Le parole sono: CAFFÈ, TABACCO, ROSA, VINO, INCENSO, SANGUE, SUDORE,LIMONE, MIMOSA, CIPOLLA.

Ogni volta che viene letta una di queste parole riaprire gli occhi, prendete nota di ciò che è successo, chiudete nuovamente gli occhi, ricentratevi riportando l’attenzione al respiro e attendere che venga letta ad alta voce la parola successiva. Ripetete la sequenza con tutte e dieci le parole.

Quando avrete terminato provate a raccontare l’esperienza scrivendo un piccolo racconto o un pensiero, una riflessione, relativi alla parola che vi ha colpiti di più.

Io l’ho fatto. Ho scelto due parole. Ecco il ricordo e la riflessione che sono emersi:

Il paese in cui cresci può essere una madre dolce e accogliente ma anche una severa maestra di vita. Può avvolgerti con l’odore morbido e rivitalizzante del caffè, emblema di una Napoli che non c’è più, calda come l’inferno delle mattine d’estate dall’asfalto infuocato, nera come la notte che inquieta e scuote con i fantasmi del proprio animo pronti ad emergere dalle ombre di un vicolo buio e misterioso. E dolce come l’amore che solo Napoli sa dare, con la gioia di vivere che riesce a trasmettere tramite la semplice contemplazione dei suoi paesaggi dai colori sgargianti, che illuminano gli occhi e scaldano anche il cuore. Ma Napoli può importi anche di crescere, forse troppo in fretta, una maturazione alimentata con sangue e polvere, ingoiate, masticate, sputate. Un sapore ferroso, una sensazione furiosa, calda, pulsante, che risale dalle narici, scende nella trachea, arriva allo stomaco e risale con un conato di vomito. Un sapore che mi riporta alla perdita dell’innocenza, a quel l’infanzia sfuggita troppi in fretta, scacciata dai calci, pugni e schiaffi di quei coetanei che non avevano sogni, giochi o speranze da condividere, ma solo rabbia, odio e dolore riversato sulla mia pelle come un manti del destino, che mi vorrebbe ancorare a quello stesso rancore. E invece lascio andare, scrivo, mi libero e lascio andare, lascio quel destino lì, nel mio passato, e mi incamminò verso il mio domani.

Buon viaggio anche a voi tra i ricordi e i “colpi dei sensi”.

Share This