L’autostima rappresenta il riconoscimento del valore di sé. È uno degli elementi che contribuisce maggiormente al benessere e alla serenità di un individuo in quanto l’autostima presuppone lo stare bene con sé stessi. Ci si apprezza e ci si vuole bene, e di conseguenza si sta bene anche con gli altri e con l’ambiente esterno in quanto vengono evitati comportamenti deviati e distorti orientati al vittimismo e alla sfiducia, tipici di coloro che pensano che tutti ce l’abbiano con loro oppure che siano bersagliati dalla sfortuna. Chi ha autostima è capace di perdonare gli altri, ma anche sé stessi, per gli errori commessi, e di lasciare andare.
Gli elementi su cui si fonda l’autostima sono vari ma quelli che vengono maggiormente identificati come suoi pilastri sono: 1) possedere una virtù 2) essere talentuosi in qualche ambito 3) avere raggiunto degli obiettivi personali o professionali 4) essere attraenti fisicamente.
Se l’autostima si fonda su un solo elemento è assai probabile che venga meno quando quest’ultimo per qualche motivo dovesse venire a mancare, per cui le persone che godono di maggiore autostima sono quelle che fondano il valore di sé su più aspetti o qualità della propria persona in modo da avere sempre un appiglio per tutelarsi dall’autocritica e dal senso di inadeguatezza.
Cosa bisogna fare quindi per accrescere l’autostima? Innanzitutto bisogna considerare il fattore “ambiente”. Infatti la considerazione che abbiamo di noi è spesso influenzata dal giudizio degli altri, così come quest’ultimo a sua volta si fonda sul nostro modo di comportarci ed interagire con loro. Circondarsi di persone che ci trattino bene e ci amino diventa quindi una condizione indispensabile per l’autostima.
Un altro elemento che permette di accrescerla è rappresentato dai “valori e ideali” su cui fondiamo le nostre azioni. Farli nostri e perseguirli con coerenza e costanza ci aiuta ad aumentare la considerazione in noi stessi.
Bisogna poi riconoscere di avere delle “capacità”: individuare i piccoli o grandi successi che abbiamo ottenuto nel passato facendo leva su doti che più o meno consciamente riconosciamo di avere, onorare e celebrare noi stessi con ammirazione e rispetto permettono di rafforzare e fortificare il nostro carattere.
Infine abbiamo “l’accettazione”. Accogliere sé stessi e accettarsi per ciò che si è con pregi e difetti, nel bene e nel male è una tappa indispensabile nel cammino verso la serenità.

Share This