Perché ci giudichiamo? Da cosa ha origine il senso di inadeguatezza? Spesso capita di doverci confrontare con quella voce interiore che ci fa sentire sbagliati, inferiori agli altri e insicuri in ciò che facciamo. Questo atteggiamento di autocritica e giudizio costante alimenta un pessimismo di fondo per cui le persone ritengono che tutto ciò che fanno sia destinato al fallimento perché non hanno fiducia in sé stessi e nelle loro capacità. Questa convinzione è anche alla base di sindromi depressive più o meno gravi, in quanto le persone pessimiste con un forte senso di inadeguatezza sono portate ad amplificare gli effetti di un errore o di un evento negativo in cui sono incappati nella loro vita,perchè, ritengono che il loro errore sia pervasivo (ovvero che l’errore o l’incapacità manifestata in un ambito della vita si propaghi e manifesti in ogni aspetto della sua esistenza), personale (ovvero che l’errore o il fallimento sia determinato unicamente dalla propria incapacità, quindi sia esclusivamente responsabilità sua, tralasciando in tutto o in parte le concause dettate dall’ambiente esterno) e infine permanente (ovvero che gli effetti del fallimento personale siano permanenti, cioè destinati a lasciare tracce indelebili).
A cosa è dovuto tutto ciò? Da cosa nasce questo atteggiamento autodistruttivo in cui incappiamo tutti almeno una volta nella nostra vita e che per molti rappresenta un aspetto fondante della personalità?
Una delle spiegazioni senz’altro più affascinanti di questo fenomeno è stata formulata da Hal e Sidra Stone, due psicoterapeuti americani ideatori della psicologia dei sé e del modello terapeutico noto come Voice dialogue (applicato e conosciuto in Italia grazie al contributo della dottoressa Franca Errani, direttrice della Scuola di counseling e coaching Innerteam, in cui propone un metodo di lavoro ispirato proprio ai principi del Voice dialogue). La teoria della psicologia dei sé ipotizza l’esistenza di una “mappa della psiche”, ossia che la nostra personalità, il nostro Io, non sia monolitico, ma composta da varie parti o “sè”. Tra le parti più comuni ci sono il sé attivista, il perfezionista, il gentile, il responsabile, il sé spirituale, il materialista, fino ad arrivare al bambino interiore. Questo sistema, o team, di sé si forma con lo scopo di proteggere quest’ultima parte, la più antica della psiche di un uomo, ed essa opera nel mondo, cioè manifesta le sue qualità attraverso l’individuo per assicurare protezione e sopravvivenza al bambino, ossia per tutelarne la vulnerabilità (un altro nome con cui è conosciuto il bambino interiore è infatti bambino vulnerabile, ossia feribile, dal latino vulnus= ferita).
Talvolta succede però che un individuo non rispetti le regole del sistema primario in quanto egli possiede anche un altro gruppo, o team, di sé noti come rinnegati. Infatti la nostra psiche è composta da “tutto” e dal “contrario di tutto”, per cui ad esempio un individuo prevalentemente gentile e disponibile potrebbe comportarsi in una determinata circostanza in maniera egoista e insensibile, oppure una persona attivista, dedita a diverse e svariate attività, potrebbe attraversare un periodo di svogliatezza e pigrizia a causa dell’eccessiva stanchezza accumulata per far fronte a tutti i suoi impegni. Queste parti rinnegate vivono dentro di noi, costituiscono la nostra parte oscura (Jung la chiamerebbe la nostra ombra) e sono sempre pronte ad emergere approfittando di un momento di stanchezza o leggerezza. Le abbiamo represse perché abbiamo operato una scelta, abbiamo deciso di manifestare nel mondo quelle parti di noi che abbiamo ritenuto più idonee a tutelare il nostro bambino vulnerabile. Ma le parti rinnegate non spariscono mai del tutto. Quando emergono possono creare danni. E’ qui che interviene la parte, o sé, probabilmente più potente della nostra personalità, ovvero il Critico interiore. Definito anche il “confrontatore”, in quanto la principale modalità con cui opera è quella di fare un confronto tra noi e gli altri per sottolineare i nostri difetti e le nostre mancanze (es: lui sì che è bravo, guarda come è responsabile e diligente, mica come te che non fai volontariato. Poi guarda come sei ingrassato, non fai attività fisica da una vita. Invece Tizio va in palestra costantemente, guarda come è in forma…) è il guardiano del sistema primario. E’ una sorta di genitore severo che ci rimprovera se ci allontaniamo da un certo percorso normativo, se violiamo quelle regole morali imposte dai nostri sé primari. La conseguenza principale è l’emersione del senso di colpa e il successivo rafforzamento del sistema primario per cui in seguito tenderemo a rispettare quelle regole con ancora maggiore zelo. Tuttavia può accadere che l’attacco del Critico interiore sia particolarmente potente e distruttivo. Magari la parte rinnegata ha fatto danni particolarmente sensibili ed evidenti per cui il “rimprovero interiore” sarà particolarmente incisivo e mortificante. In questi casi il Critico può uscirne rafforzato e si può creare una sorta di circolo vizioso in ragione del quale l’ottica è sempre più erronea e giudicante, non siamo mai abbastanza ligi al dovere, sbagliamo sempre qualcosa e il Critico può manifestarsi come una sorta di crazy radio (radio impazzita, ossia quando il Critico diventa paradossale. Ci critica a prescindere, sia che scegliamo di agire in un modo che in un altro. Es: Caio ti ha chiesto aiuto e non glielo hai offerto, sei un egoista. Offri aiuto a Caio: ma sei impazzito? Non sei all’altezza di aiutarlo, il suo problema è troppo grande, sei un irresponsabile!)
Qual’è quindi la soluzione? Se siamo in presenza di un Critico talmente forte da annientare la nostra esistenza come possiamo agire per tutelarci? Gli ideatori del Voice Dialogue hanno suggerito innanzitutto di usare l’arma dell’ironia, soprattutto riguardo ai casi in cui la contraddittorietà del Critico sia abbastanza evidente. Imparare a riconoscere i suoi paradossi e riderci su è un potente strumento terapeutico. Per chi ha una buona propensione all’immaginazione è possibile utilizzare la tecnica della “voce dei cartoni animati” (ideata da Francine Shapiro, psicoterapeuta creatrice del metodo E.M.D.R.) che prevede di immaginare che quel brusio mentale, quella voce interiore disturbante e giudicante ci parli con una voce buffa, simile a quella dei personaggi dei cartoni animati come Paperino e Daffy Duck.
Inoltre il lavoro degli Stone suggerisce un percorso di consapevolezza che consenta di ridimensionare il Critico. Solo imparando a conoscere le sue paure dialogando con lui, ascoltando ciò che ha da dire e rassicurandolo sulle nostre scelte future e sulla nostra capacità di prenderci cura del nostro bambino interiore possiamo evitare che ci attacchi e porti disagio nella nostra vita. Possiamo anche farlo diventare nostro alleato, infatti il Critico interiore è fonte di notevoli risorse quali la sottile intelligenza e la capacità analitica che, se messe al nostro servizio, possono essere un dono importante

Share This