La creatività è espressione dell’ingegno e si manifesta grazie a processi che portano l’uomo a seguire percorsi non ordinari, ad uscire fuori dagli schemi. Il motivo per cui sono in pochi a riuscire a farla emergere nonostante tutti abbiano lo stesso potenziale creativo è dovuto al modo in cui è strutturata la nostra società e la nostra vita, costantemente orientata all’adattamento rispetto all’ambiente in cui viviamo. Ma per adattarci rinneghiamo una parte di noi. Si crea così una scissione tra ciò che facciamo e ciò che siamo, indossiamo una maschera tramite cui celare la nostra vera e pura essenza pur di ottenere l’accettazione di chi amiamo e garantirci il nostro posto all’interno della società. Tuttavia questa tendenza porta inevitabilmente a delle rinunce, rinneghiamo il nostro nucleo più profondo e andiamo incontro ad un meccanico perpetrarsi di situazioni, gesti ed azioni che incancreniscono il nostro essere, fino a renderci degli automi senza vitalità nè capacità di cogliere degli spunti emozionali che facciano percepire una pienezza della propria esistenza e donino senso e significato alla vita. L’adattamento è alla base di varie problematiche dell’uomo, influisce sul benessere psichico delle persone ed è anche causa del blocco creativo di coloro che volessero cimentarsi con le arti, sia essa la pittura, la musica o la scrittura. E’ per questo che una delle lezioni più importanti che si possa apprendere è quella di imparare a disadattarsi, che nell’ambito della scrittura creativa vuol dire allenarsi ad esplorare territori nuovi, provare stili e forme di scrittura che non si è ancora padroneggiato. Un utile esercizio è quindi quello di individuare le proprie zone di comfort così da allenarsi ad uscirne prima di finire ingabbiati nelle proprie certezze che rischiano, nel lungo periodo, di diventare statiche.

Sfidatevi ad uscire dai percorsi comodi. Abbiate il coraggio di abbandonare i sentieri sicuri per esplorare nuove terre. Se siete abituati a scrivere in prima persona, iniziate ad usare la terza persona. Se avete uno stile poco descrittivo di ambienti e personaggi, sforzatevi di sviluppare questa propensione. Può darsi che all’inizio non vi piacerà ciò che scrivete, ma insistete. Prima poi l’innovazione, l’intuizione creativa, emergerà. E vi stupirete di ciò che siete riusciti a tirare fuori.

Share This